Fashion

Scott porta Fellini nell’Antica Roma

Moschino MMXIX. Sì, scritto proprio così, in numeri romani, fra i capitelli delle ricostruite Terme di Caracalla e i resti delle statue dell’Impero sfilano i modelli della collezione uomo autunno-inverno e della pre-collezione donna.

Moderni centurioni con corazze ed elmi dorati, donne guerriere con enormi fiocchi in testa o come strascico, che identificano il marchio dell’orsetto. Gialli, colore di stagione che contraddistingue Moschino o rosso porpora, caratteristico dei fasti imperiali. Insieme a matrone con la parrucca e schiavi scultorei con grossi orecchini dorati.

Negli studi di Cinecittà c’è tanto oro a sottolineare l’opulenza dell’antica Roma. Collane e catene che ricordano Moschino TV, la collezione presentata da Jeremy Scott a New York lo scorso ottobre.

Lo stilista ha voluto rendere omaggio a Federico Fellini: dall’Impero Romano arriviamo alle corti veneziane del ‘700 del film “Casanova” fra maschere e corpetti. E il felliniano “8 1⁄2” con dive che indossano abiti piumati, pronte a ballare il charleston. Poi c’è anche lui, Jeremy, nella collezione Moschino 2019, con tocchi pop e ironici, nello streetwear delle tute, su cui appaiono scritte dorate in carattere latino e caldi parka.

Non è sicuramente casuale il riferimento a Versace: più chiaro nella decorazione con la Medusa, più velato nelle torce accese, nei cuissard di pelle nera o nei leggings abbinati ai vestiti entrambi stampati. Come nello show di Donatella in ricordo di Gianni.

L’ennesima riprova, se ce ne fosse ancora bisogno, che Scott è il degno erede di Moschino. Dopo aver baciato Sandra Milo, protagonista di tanti film del regista riminese, il designer si prende i meritati applausi degli invitati.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *