Fashion

Silvia Venturini Fendi: vi racconto la mia #BaguetteFriendsForever

“This is not a bag. It’s a Baguette!”. È il refrain dei tre corti girati tra Shanghai, Hong Kong e New York per celebrare il ritorno della it-bag nata nel 1997. “Ero a Roma nel mio studio quando tutto è iniziato”, ricorda Silvia Venturini Fendi, colei che ha dato vita alla borsa iconica “Mi chiesero di fare una borsa minimal, per un brand che minimal non è”. Solo le dimensioni della Baguette sono mignon: vestita in più di mille versioni, con tessuti che vanno dal cashmere al jeans, dallo shearling al velluto. Silvia stringe tra le mani quella di nappa rossa, morbidissima “è come un cuscino, sarebbe possibile anche dormirci”, scherza. Per la Spring/Summer 19 viene riproposta in altre due dimensioni, la maxi e la mini: “mamma, figlia e nipote”.

Chiamata come il caratteristico filoncino francese per l’abitudine di portarla sotto il braccio, è una bag abbastanza pratica: il manico corto infatti permette di avere le mani libere. “E come il pane, è indispensabile: quando cominci a mangiarlo non riesci a smettere”, dice Silvia Venturini Fendi, prima di immergersi nuovamente nei ricordi. Questa volta della sua infanzia: “Quando ero molto piccola andavo a trovare in negozio la mia mamma tutto era molto noioso e nessuno mi prestava attenzione c’era una stanza speciale per le borse da sera: giocavo molto in quella stanza aspettando le signore che arrivavano a comprare”.

Da Roma voliamo Shanghai, dove è ambientato il primo episodio di #BaguetteFriendsForever. In “The Baguette is Back” le attrici Tan Zhuo e Qiao Xin con le influencer Yu Wei e Yoyo cercano di accaparrarsi, in una divertente giornata di shopping nel mall IAPM, la stessa it-bag. Che è stata perduta a Hong Kong. Nel secondo short movie infatti le quattro amiche, interpretate dalle Dj Dizzy Dizzo e Peggy, la it-girl Yoyo Cao e la modella Hikari Mori, hanno una fashion mission da compiere: ritrovare la borsa, pardon, la Baguette di Hiraki. Perché “It’s not a bag. It’s a Baguette”, dice nell’ultimo cortometraggio girato a New York Sarah Jessica Parker (ricordate Sex & the City?). E la storia continua. Dal ‘97 ad oggi sotto il braccio di ognuna di noi.

2 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *